Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Eventi settimana per categoria

Ufficio Turismo Comune di Anzio

Pillole di storia

Rodeo del mare di Anzio 30/08/1956

Pagina Facebook Visit Anzio

A pochi passi da Anzio, il parco più bello d’Italia

NINFAMagnolie, betulle, aceri giapponesi, ciliegi, meli ornamentali, le rose rampicanti adornano i sentieri, i ruderi e i ruscelli. In tutto più di 1300 piante diverse che fanno del giardino di Ninfa, nel territorio di Cisterna di Latina, il giardino più bello d’Italia, vincitore oggi del Premio “Il Parco Più Bello d’Italia 2015” per la categoria Parchi Privati.

Il Parco Più Bello da oltre dieci anni seleziona i parchi e i giardini pubblici e privati visitabili per promuovere a livello nazionale e internazionale un “turismo verde” di qualità che permetta al grande pubblico di scoprire questo prezioso patrimonio ad oggi ancora poco conosciuto.

Ninfa, che deve il nome un tempietto di epoca romana, dedicato alle Ninfe Naiadi, divinità delle acque sorgive, fu distrutta e saccheggiata nel 1300 che lasciarono una città fantasma infestata dalla malaria. Durante l’Ottocento, si legge sul sito ufficiale del Parco, il fascino delle sue rovine attirò molti viaggiatori che percorrevano l’Italia riscoprendo l’antico: la ‘Pompei del Medioevo’, come la definì Gregorovius, era un luogo spettrale, magico e incancellabile dalla memoria di chi la vide. Alla fine dell'Ottocento i proprietari originari, i Caetani ritornarono a Ninfa e vi crearono un giardino in stile anglosassone, dall’aspetto romantico. Bonificarono le paludi, estirparono gran parte delle infestanti che ricoprivano i ruderi e piantarono alberi e fiori. Durante la guerra il giardino usato dai tedeschi come base per le munizioni. L’ultima erede e giardiniera fu Lelia, figlia di Roffredo Caetani che curò il giardino di Ninfa fino alla fine. Morì nel 1977, ma prima della sua morte decise di istituire la Fondazione Roffredo Caetani al fine di tutelare la memoria del Casato Caetani, di preservare il giardino di Ninfa e il castello di Sermoneta, e di valorizzare il territorio pontino e lepino.

Bollettini di vigilanza meteorologica

Bollettini di criticità idrogeologica ed idraulica

Avvisi di criticità idrogeologica ed idraulica regionale